Home

Pianta alberi. Non si sa mai.

Bill Gates

Chi Siamo

Globe Italia – Associazione nazionale per il clima nasce per sostenere l’azione di legislatori, istituzioni, imprese, cittadini nella promozione dello sviluppo sostenibile, della mitigazione e dell’adattamento alla crisi climatica favorendo il dialogo con il mondo produttivo e associativo nazionali.

Come?

Globe Italia lavora interagendo costantemente con i decisori per la promozione di politiche comuni in materia di standard industriali, produzione energetica e delle filiere dell’economia circolare. La sua forza risiede nel mettere insieme con eventi, seminari, video-talk, ricerche – attraverso un dialogo costante e diretto – politica, imprese, media, collaboratori parlamentari all’interno di una missione comune: la transizione ecologica giusta per imprese e persone.

Perché?

Crediamo che il pianeta abbia oggi davanti a sé una straordinaria opportunità di sviluppare finalmente una prosperità sociale e sostenibile durevole, giusta e condivisa.

Le ragioni di “noi”

Vogliamo essere strumento utile per aiutare questo cambiamento. Mettiamo valori, energie e idee al servizio di chi vuole perseguirlo. Nella consapevolezza che la più grande fonte di energia rinnovabile e non inquinante è l’intelligenza umana.

Frase o Citazione

Autore Citazione
Progetti

Globe Italia – Associazione nazionale per il clima nasce per sostenere l’azione di legislatori, istituzioni, imprese, cittadini nella promozione dello sviluppo sostenibile, della mitigazione e dell’adattamento alla crisi climatica favorendo il dialogo con il mondo produttivo e associativo nazionali.

Stop Marine litter.

Mare sano, corpi sani.

Mare sano, corpi sani. La presenza di rifiuti di plastica nei mari del mondo è uno dei problemi ambientali più rilevanti del nostro tempo, con conseguenze anche a livello economico e sociale. Questo fenomeno disincentiva poi il turismo, colpisce la pesca e la nautica con un impatto economico stimato dall’UNEP in 13 miliardi di dollari l’anno. Si stima che i rifiuti marini, il cosiddetto “marine litter”, provengano per circa l’80% dalla terraferma e raggiungano il mare prevalentemente attraverso i fiumi e gli scarichi urbani, portati dal vento, o abbandonati sulle spiagge, mentre il rimanente 20% è costituito da oggetti abbandonati o persi direttamente in mare, principalmente durante attività di pesca o navigazione. Tra le principali cause del marine litter vi sono: la non corretta gestione di rifiuti urbani e industriali; la scarsa pulizia delle strade; abbandoni e smaltimenti illeciti.

Una miniera per l’Italia

Nel Mediterraneo l’eolico ha grandi potenzialità anche grazie alle nuove tecnologie flottanti. Ma per far sì che il settore possa portare tutti i suoi benefici, è necessario favorire semplificazioni importanti, consentendo agli operatori di fare il proprio lavoro e intervenendo con opere di velocizzazione rispetto all’iter autorizzativo, sia riguardo alla connessione alla rete. Il settore eolico offshore italiano è pronto a portare in Italia i benefici connessi a tale tecnologia innovativa, nel rispetto dei protocolli e delle regole più rigorose di tutela e salvaguardia dell’ambiente, del paesaggio e della fauna marina.

Italia superpotenza europea del riciclo degli imballaggi

La sostenibilità ambientale sta ridisegnando le dinamiche dell’intero mercato degli imballaggi e della domanda dei consumatori. Sempre maggiore attenzione è dedicata ai metodi e ai processi di produzione, così come all’impatto ambientale dell’intera catena logistica.

Mettiamoci in contatto